Genesis Mining sta convertendo il calore in eccesso del data center

Genesis Mining sta convertendo il calore in eccesso del data center Bitcoin in energia elettrica in serra in Svezia

Una delle più grandi miniere di bitcoin del mondo, Genesis Mining, sta lavorando ad un esperimento con Systemair, l’Università Tecnica di Lulea, l’Istituto di Ricerca svedese e il locale comune di Boden. I team in Svezia stanno sviluppando un sistema che converte il calore in eccesso dall’estrazione di bitcoin di Genesis alle operazioni in serra.

L’estrazione di bitcoin è estremamente competitiva e la rete consuma molta elettricità per garantire le transazioni e coniare nuove monete. Per esempio, il Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index (CBECI) mostra che il Bitcoin (BTC) ha un consumo stimato di 12,54GW e un livello di consumo annualizzato di circa 88,14TWh. Su 20 piscine minerarie, c’è un enorme 150 esahash al Bitcoin Revolution secondo (EH/s) puntati sulla catena BTC.

Questa settimana, Genesis Mining, ha rivelato un nuovo progetto innovativo al quale l’azienda sta lavorando con alcuni team. Genesis ha lavorato a Boden, in Svezia, una grande regione situata intorno alla città costiera di Lulea con quattro gruppi. Systemair, il comune locale di Boden, l’Università Tecnica di Lulea e l’Istituto di ricerca svedese in collaborazione con Genesis hanno sviluppato un sistema che converte il calore in eccesso dell’estrazione mineraria in energia da serra. Il progetto pilota mira a riciclare l’energia in eccesso dell’estrazione di bitcoin in fonti di calore sostenibili.
Genesis Mining sta convertendo l’eccesso di calore del centro dati Bitcoin in energia serra in Svezia

Il contenitore personalizzato di Genesis Mining.

Secondo i partecipanti, il progetto pilota intende sostenere l’obiettivo della Svezia verso una produzione alimentare autosufficiente. Lo studio è promosso dal braccio filantropico di Genesis Mining chiamato „Hashpower For Science“. Mattias Vesterlund, ricercatore senior presso il RISE (Istituti di ricerca svedesi) ha spiegato come il progetto possa raggiungere modelli di produzione autosufficienti.

„Un datacenter da 1 MW avrebbe la capacità di rafforzare l’autosufficienza locale fino all’8% con prodotti competitivi sul mercato“, ha spiegato Vesterlund. I contenitori di stoccaggio per l’estrazione mineraria criptica costruiti su misura da Genesis Mining saranno situati adiacenti alla serra. Il contenitore è legato alla serra sfruttando un sistema di condotti d’aria costruito su misura che trasporta il calore in eccesso del minatore.

Marco Streng, cofondatore e CEO di Genesis Mining, ha dichiarato che le applicazioni decentralizzate trasformeranno il mondo, „ma tutti questi benefici non possono avvenire a spese dell’ambiente“. „Genesis Mining ha sempre preferito località che offrissero il 100% di fonti di energia rinnovabile, ecco perché ci siamo concentrati così tanto sui paesi nordici“, ha precisato Streng. Ma come leader del settore, consideriamo la nostra responsabilità morale ed etica di far progredire il settore, e trovare un modo per convertire l’energia in eccesso è stata una delle nostre principali priorità“.

Streng ha poi aggiunto:

Non vediamo l’ora di ampliare questo progetto e di portarlo non solo a un numero maggiore di nostri data center, ma anche ad altri.

Un docente senior dell’Università Tecnica di Lulea, Andreas Johansson, ha effettuato i calcoli sulla base del progetto e del clima freddo della Svezia.

„Per il clima freddo del nord della Svezia, i nostri calcoli dimostrano che una serra di 300 m2 può essere facilmente riscaldata con un container da 550 kW, anche con temperature esterne che raggiungono quasi i -30℃“, ha detto il docente. Ma il potenziale è molto più grande. La differenza di temperatura rispetto alla serra è in questo calcolo solo di 10 gradi, poiché assumiamo una temperatura di uscita DC di 35℃ e una temperatura GH di 25℃. Se l’uscita DC viene aumentata a 55℃, allora l’area GH può essere triplicata a 900 m2″.